La misura…

Ostentare il proprio

…povero ed intenso possedere

sembra quella qualifica

che e’…forgiarsi di qualcosa

ma certamente valida

per classificar di ceto

quella ricchezza poverta’

che s’evince da spavaldo dire

quel “io sono” attraverso le cose.

Si puo’ essere anche senza cose

ed anche senza dirlo

ed anche senza primato di cliche’.

Vita che e’ “io sono”…perche’

vita che e’ perbenismo…attaccabile

vita che e’ dimostrazione…quasi catalogo.

Non si svende l’identita’

attraverso la pesatura osteggiata

verso l’acquisito potere elargito

solo perche’ possiede sacra verita’.

Quale sia la sacralita’

non e’ compito da esibire

ma solo amore rende tangibile.

Stranamente e’ cosi’ sempre

quanto piu’ dai gratuitamente

tanto piu’ rappresenti perdenza

si’…di quel valore pesabile diversamente

che non e’ umano ma sacro.

E’ sacro solo la misura di te stesso

capace di non misurare mai…

  (933)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag