Ogni tanto…

Mi domando la felicità

… dov’è

quella soffice sensazione

che ti rende ali di bambino

quando ogni secondo

…era scoperta

quando ogni ora

…era crescere

e poi…diventare adulti

dimenticando ch’eri bimbo

aspettando con sgomento

…l’ora d’ora

quella dell’esser grandi

e…prendere tutto il reale

e…volerlo di nuovo

…irreale e sogno.

Si dimentica l’ebrezza di sè

con quella pesantezza

…come pugno

messa dentro…come masso

e…litighi con te

sperando che…nella lotta

… ne esce soluzione

ramengo di te…perduto te

…essere umano

dimentico del volo e dei giochi

e…della felicità che è volata via.

Da dentro te…non ne esci più

arrovellato nel ginepraio della futilità

nell’attimo che si vorrebbe rubare

come un ladro con te stesso

…per sempre.

Ed io rubo dai sogni

ed io m’inebrio del volo

attraversando la tempesta

…ogni tanto.

  (680)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag