Fatta di…

L’anestesia emozionale

e’ scegliere l’attesa

mentre perdoni te stesso

mentre perdoni l’altro di te

nell’aver comunque imparato

che nessuno e’ mai davvero pronto

ad allargare quei limiti propri

fatti di mal digerito “passato”

nell’ombra che vorrebbe dominare

quella naturale apertura fatta di te

nella prospettiva del “presente”

cosi’ che tu possa scongelarti

per cominciare a scegliere la vita.

L’anestesia emozionale

fatta di…rabbiosita’

fatta di…lotta silente e cheta

fatta di…tempo lenitivo  di guarire

fatta di…ritrovato amore a se stessi

fatta di…tenerezza calmierante

fatta di…nodi ormai disciolti

fatta di…immagini coloranti ed arrivanti

fatta di…ritrovar silenzio profondo

fatta di…gesti senza forza cosi’ piegati

fatta di…umile sintonia nella pace.

E’ flebile e vasta e preparativa

quell’accondiscendere senza spasmo

nel dolore che perde spada

nella penombra che cerchi per capirti

nella cuccia morbida ed accogliente

dove all’improvviso sei cambiato ancora…

 

  (752)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag