Nuvole grigie…

Le nuvole grigie s’aprono

lasciando spazio al colore

quello celeste integrato nel mare

che diventa conformita’ d’unione

nel diradarsi denso e pomposo

di quel cambiamento ad effetto.

S’apre il grigio condensato

con l’aiuto d’un vento leggero

che devia l’agglomerato d’impervio

che fugge velocemente lontano

ed il mare ritma l’evento

con il suo a tratti placido ondeggio.

Mi cullo diventando piccina

nel conforto amoroso del ritmo

prendendo da esso la bonta’

d’un occasione retroattiva

del tempo cosi’ giustiziere

che sempre ti da’ cio’ che cerchi

attraverso il bisogno ancestrale

dell’esser cullati con amore.

Mi cullo beatamente serena

di prendermi stamane il mio

perche’ il diritto d’amare si concretizza

in ogni mancanza palesata ed accettata

che diventa cosi’ perdonata senza remore

perche’ il mare diventi amore

nel canto d’un ritmo antico piu’ di me

in quella manifesta occasione

d’esser il mio confortante abbandono

all’infinito regalo che mi porgo…

 

 

  (187)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag