Omaggio a…

Aspetti invano

…quel gabbiano ferito

cosi’ umano di pena

che ora e’ lontano dal mondo

reso anima ormai di pace

proprio come se fosse miracolo

nelle ferite ormai guarite

nella vivezza prendente forma

per la sembianza d’amore

che diventa d’ognuno conquista.

Aspetti invano

quell’amico di sapienza

quella vicinanza d’anima

di persona complementare

che appartiene cio’ a quei pochi

nell’eletto d’una corrispondenza

che rende vicino il lontano

che rende vita a cio’ che non lo e’

che rende permeante nel mistero

tutto cio’ che vive nell’oltre.

Aspetti invano

quella gioia d’amicizia

ch’accomuna nel sempre

il lontano reso palpabile

da comunione d’istinti veri

quando legami d’origine incontrollata

affiorano di ricordo sorridente

nel buongiorno d’amico eterno

nel buongiorno cosi’ d’ora

che ti saluto…ovunque tu sia…

 

 

  (205)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag