Amore della civilta’…

Il fischiar del treno

che…scorre su rotaie

…ruggine d’un incuria

nel sempre distratto perenne

che lascia che…ogni cosa

venga distrutta senza cura

per una realta’ sempre uguale

che accomuna il bene comune

cosi’ abbandonato dall’amore

persino in cio’ che e’ di tutti

nella preziosita’ che e’ percorso

su rotaie cosi’ poco esemplari

di cio’ che accomuna di stolto

l’uomo…dicansi…dei tempi d’ora.

Modernita’ diventa cosi’

…curarsi poco di cio’ che e’ bene

…amare poco il lavoro di braccia

…fregarsene tanto di cio’ che muore.

Anche le cose muoiono

…senza amore ne’ cura

…senza quella ligia constatazione

che se abbandoni qualsiasi materia

dai forma a quell’abbandono visibile

cosi’ poco edificante d’educazione

principio che governa civilta’

quando l’impari…il diritto ed il dovere

quando ami gli altri…piu’ di te stesso

intensificando quel che sei

nei gesti d’amore anche verso le cose…

 

  (510)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag