Iris…

Iris…nasce ora

dissolvendo veli d’ipocrisia

ch’erano attaccati come ventose

in un modo non suo

che a lei non piacevano piu’.

Libera d’essere

la principessa del suo regno

dove son bandite le convenzioni

d’apparenze scomode assai

eppure rimane un po’ prigioniera

di quegli strati di dolore

depositati nel non aver avuto

quel meritarsi…amore

in un diritto sacrosanto d’averlo

nel vuoto d’un esistenza grama

che ora piano s’allontana.

Iris…nasce ora

donna farfalla d’ali colorate

dove poggia nuova modalita’

d’allontanarsi repentinamente

da quel mondo ostile alla liberta’

mentre un guizzo negli occhi

accende la scintilla in un luccichio

nella capacita’ d’espandersi

nelle ali che vibrano d’incondizionato

in quel dare a se stessa vita

dopo esser morta troppe volte

per aver taciuto la bellezza

che la vita ora regala

piccola Iris destinata a vivere…

 

  (188)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag