Quanta rabbia…

Quanta rabbia c’e’

in quell’umano che pare mangiarla

come fosse cibo per l’anima

nell’esprimere solo pochezza

mentre l’innocenza dimenticata

viene sconfitta dalla paura

manifestando solo urlo di rabbia

ad ogni respiro che la vita dona

per esser onorato non offeso

perche’ esser al mondo e’ solo amore

cosi’ allontanato per esser mai

quell’unica opportunita’ di riscatto

che…si deve a se stessi

che…si rende obbligante a capirlo

in ogni attimo che sopraggiunge

per esprimere solo odio.

E’ un odio verso se stessi

portante chissa’ quali disfatte

nelle mancate opportunita’ di riscattarsi

per cio’ che manca proprio assai

nel sentirsi non meritevoli mai

d’un amarsi nonostante tutto.

Carnefici di se stessi

emblemi di una cruenta violenza

sopravvivono senza impegnarsi

con quel contratto-vita delegato

senza parteciparvi ma oscurandolo

in quella istintiva rabbia perseguita

per tentare dentro se stessi d’uniformarsi

alla mascherata d’una vita spreco…

 

 

  (195)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag