Parole…

Cio’ che mi sovrasta

e’ l’assoluto esser circondata

da tanto insegnamento intorno

cosi’ vicino da essere afferrato

nella comunione con l’ampiezza

che si solidifica in parole.

Parole che segnano istanti

parole che vorrebbero sprizzare

come fossero scintille brillose

…che frusciano di segni fermanti

come fossero gratifiche osannanti

…verso un significare allargato

racchiuso ed imprigionato

per dare sazio ad un significato

oltre me e per me

oltre me e per l’immensita’

come cantassero nel ritmare

…quel fascino nascosto dentro esse

mentre arrampicata l’anima

salgo la scala d’un valore

toccando il senso dell’infinito

nel raccoglimento d’un istante.

Cio’ che mi sovrasta

e’ la parola che scorre veloce

a tracciare nella scia seguita

il frammento unito al senso

d’una luce dentro che rende viva

lo scrosciar del mare intorno

nella semplicita’ mai complicata

d’aver detto cio’ che mi sovrasta…

 

  (450)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag