Dal mare…

Cosa cercare…dal mare

cosi’ contemplato d’amore

cosi’ scrutato nella bellezza

come se potesse parlarti

per dirti cio’ che desideri dentro

proprio nell’anima tutta

che pare cosi’ vicina da sentirla

con quella presenza silente

che sussurra e poi tace

aspettando proprio…dal mare

il corrisposto d’una presenza

resa invece invisibile

mentre l’afferri e poi…fugge via

proprio…dal mare

che s’alterna nel movimento

nella possezza del momento.

Cosa cercare…dal mare

nel guardarlo e scrutarlo

poggiati su onde cullanti

porgenti solo l’idea d’un immenso

racchiuso nell’attimo tuo

quando porgendoti amore

parrebbe nell’espressione

restare come attendere il dopo

nell’ossequiare la vita

con la dignita’ appartenente ad essa

attraversando lo spasmo del quesito

che il mare ha ben percepito

mentre risponde senza parole

mentre ti cresce dentro l’attimo…

 

 

 

  (172)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag