Corrono…

Corrono…forse inseguiti

dai loro disagi personali

che paiono inseguirli

che paiono anche cosi’…fermi.

Corrono…tutti sudati

con i corpi colmi d’affanno

nel respiro rantoloso nel flusso

per la fatica immane

che non li distanzia mai

da quel dolore fisso nella testa

da quel dolore mai disciogliente

in quel fuggire ad oltranza

che determinazione oltre ogni misura

segna nella qualita’ del percorso

quello che mai la fuga puo’ individuare

nella non forza di potersela scrollare

quella dolorosa morsa interiore

che depista proprio la qualita’ di vita.

E’ un ardito percorso in salita

ubicato dal non fermarsi mai

…fuggitivi ad oltranza

pur di tentar d’annientare

quel pugno chiuso a mo’ di pietra

dura…arroccata…appuntita

aguzza…grigia…statica.

E’ una pietra sul cuore

cosi’ costruita per coprire

la voragine incolmabile di bisogno

d’un amore cosi’ lontano ed inafferrabile

che la fuga non puo’ distruggere…

 

 

  (242)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag