Limiti…

Orizzonte cosi’ visibile

in quell’esser diritto

per quella linea delimitante

la differenza di porsi

dinnanzi alle certezze

che appartengono non a noi

pervasi da insicurezze antiche

persino nell’istante proprio

di…quando capiamo d’ignorare

…quella netta divisione

che…porta a desiderare

quell’oltrepassare limiti

quelli proprio della mente

cosi’ preconfezionata dai pensieri

d’un invalicabile che…non esiste

nella fede di crederci

cosi’ ciecamente da non potere

modificare il vero dal falso

nei contrari che appartengono

a quel credere alla divisione

non all’unicita’ del compilare

cio’ che davvero conta per ognuno

legittimato cosi’ ad esistere

nell’interezza che ci contraddistingue

mai piu’ di scelte prevaricanti

quelle oggettivita’ che non lo sono

perche’ soggettivo e’ il senso

nell’unico modo di esistere

saggezza e coerenza insieme

mentre si propende ad esse veri…

 

  (258)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag