Di cui…siamo…

La consapevolezza  individuale

e’ li’…in ogni umano

che vive nella paura d’evoluzione

che porta l’uomo ad esser tale

nel campo interiore posseduto

come la ricchezza assoluta

di cui…siamo fruitori

di cui…siamo padroni

di cui…siamo portatori.

La liberta’ di scelta posseduta

assume la dimensione lucida

d’una prigionia edificata dentro

…padrona dei nostri gesti

…padrona dei nostri pensieri

…padrona dei nostri moti naturali

come limiti di gran potenza

che chiudono qualsiasi possibilita’

con una chiave ormai perdutasi

…nella giungla che…s’attorciglia

con spine e rovi appuntiti

…che la chiave non si trova piu’

…che la chiave non e’ che ruggine

nell’introvabile soluzione d’aprire

quello scrigno interiore ormai perduto

…nel dolore e nell’angoscia

mentre solo…l’uomo e’ prigioniero

nell’allontanamento ormai diventato

…lo sguardo di fitta nebbia

mentre brancolare significa sopravvivere

nell’abbandonare quel “di cui…siamo”.

 

 

  (226)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag