Rapente…

Dolce silenzio

nel suo fruscio

d’onde calmiere

di pace amica

mentre l’infinitezza

del rapito momento

accarezza l’animo

estasiato da tanto

nel profuso accanto

ch’ogni pensiero fugge

affondato nelle onde

amiche di ritmo antico.

Il sole ancora nascosto

rende l’intorno dolce

in un’alba rapente

cio’ che non puo’ esistere

cio’ che nemmeno puo’ elevare

ogni forma diveniente diversa

nell’attimo d’estatico apprendere

quanto lontano possa esserci

ch’avvolge il dubbio d’esserci.

Il giorno nuovo s’apre

nell’incanto d’attimo tuo

nel dialogo tra te e l’oltre

nel recepito di meraviglia

mentre quella dolcezza affiora

nel mettere radici dentro

mentre l’ombra a cui t’afferri

sente il freddo d’una lontananza

resa cosi’ vicino al tuo cuore…

 

  (261)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag