Destarsi…

Destarsi all’infinitezza

pare dare ansia del domani

mentre il presente…proprio li’

devia la certezza del dopo

perche’ sparisce la risposta

nell’ascolto dell’attimo

che ora ti bussa dentro.

Pare vuoto l’attimo

nello sbigottimento di prospettiva

quando ponendosi il quesito

sai che ora…sei vivo

sai che ora…t’appartieni

sai che ora…ti posiziona

e…pare tu sia diverso un po’

perche’ gusti di te persino il pensiero

quello che sai non potra’ mai rappresentare

l’essenza del tuo essere persona

quella che non maschera piu’

…la proiezione dell’anima

…la visuale d’una pienezza

…la conoscenza del chi sei davvero.

Pare cosi’ l’attimo riempito

perche’ tu hai afferrato il senso

quello vero che t’identifica di si’

nell’accondiscendenza unificante

che diventa persino il silenzio

mentre corri verso quel ritrovato

d’una gioia di cui ti meravigli

perche’ non sei abituato alla pienezza

perche’ non t’eri mai perso per ritrovarti…

 

  (245)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag