La partita…

Occupare il tempo a disposizione

t’affascina di sorpresa

nella meraviglia dell’occasione

che dai a te stesso per posizionare

come fosse un gioco di mosse

allenamento d’una vita intera

dove non sei mai esistito

per te stesso…per cio’ che t’arreca gioia

mentre posizioni pedine nuove

per giocare l’ultima partita

con un avversario che intravedi

che vuole lui…vincere assolutamente

perche’ non ha piacere affatto

che tu abbia compreso il gioco

quello che ti libera improvvisamente

dentro il ginepraio cosi’ scontato

a cui…avevi dato potere

imprigionato dalle razionalizzanti cause

che hanno dato effetti collaterali

mai davvero sapienti di conoscenza

ignorando il tuo modo d’azione

focalizzato su valori oggi catalogati

in quell’intreccio di fatalita’

dove non sei stato davvero tu a giocare

dove eri arreso alla consuetudine comportamentale

cosi’ deviato dal tuo modo di giocare

…la partita della vita che e’…solo tua

…la partita della vita che e’…l’occasione

mentre l’oscurita’ era palesemente evidente

dalla posizione di pedine mai studiate…

 

  (218)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag