Mai che…

Quanto potere assumono

quelle illudevoli potenze

creatrici di solo dolore

nel disagio comprovante

quell’acquisizione di sostituzione

che…dovrebbe riempire

…la mancanza d’amore

…la mancanza di condivisione

…la mancanza di pienezza altra

mentre si sostituisce il disvalore

con dei palliativi occludenti

al fine di nascondere e nascondersi

per non sentirsi negati

nel diritto di…avere amore

anche se non si sa darlo.

Diventa rabbia tutto quel negato

tanto che s’arrotola dentro

la stretta della voragine incolmabile

d’un bisogno di corrispondenza

cosi’ da sentirsi amati.

S’inizia a ferire chiunque

togliendosi la possibilita’ d’amore

sicuri che quel male da infliggere

sia giustificato dal maltolto

mai che…si chiede a se stessi pieta’

mai che…si riesca a piangere nell’anima

mai che…si crei trasformazione del dolore

chiedendo quell’amore con grazia

donandolo al bimbo interiore

accarezzando con dolcezza quel dolore…

 

 

  (214)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag