Il freddo…

Il freddo nel vento mattiniero

pungente di brividi nelle carni

e’ spruzzo di vitalita’

per cio’ che incute prontamente

d’una sensazione di calore

che cerchi d’afferrare ma non c’e’

mentre aspettar sole

e’ l’unica certa fonte attesa

…d’una pienezza di raggi

dove quasi t’accucci

nel tepore che riscalda l’aria

eppure te stesso intirizzito un po’.

Il fresco aleggio posa l’aria

quasi che ingoiandone spessore

vivifica anche interiormente

quella stretta conoscenza calorosa

d’un abbraccio che ti porgi

a mo’ di sicurezza dentro

che si modifica mentre trascorre

quella certuna appartenenza

alla vivezza della vita

mentre ne senti proprieta’ attive

che incontri nella vera essenza

d’esser umano poco attivo dentro

a cercar poi altro nell’oltre

in quelle fasi proprio di scandaglio

dove sondando un po’ le circostanze

aggiusti il tiro del tuo bilancio

dove ancora puoi prendere opportunita’

d’esser solo un po’ felice dentro…

 

 

 

  (336)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag