Cantavo…

Ieri…cantavo in liberta’

con parole…inno ad essa

in quella speciale accondiscendenza

all’attimo proficuo d’emozione

intriso di tanta sensazione

nel vento bufera che devasta

il senso della pura liberta’

prodotta dal principio portante

…quell’espressivita’ di rabbia

…quell’uragano d’irrisolti

…quello sbuffo di beffa parlosa

che…siamo proprio nulla

di fronte alla maesta’ della natura

ch’esprime il meglio o il peggio

nel suo imprimere cambiamenti

repentini ed  improvvisi di saggezza

a noi umani…sconosciuta

a noi umani…occupati a disquisire

quanto nulla ci riempie di cose

quanto nulla ci possiede inesorabilmente

e…canto alla liberta’ d’essere

e…canto alla liberta’ del maestro vento

e…canto alla liberta’ di possedere solo me

mentre assaporo il colore dell’intorno

appoggiato come rivelazione improvvisa

di quanto libera voglio appartenere al vento

di quanto libera voglio darmi lo stesso alito

mentre trasportata dalle raffiche possenti

rido e rido ricca di vento che pare cavalcare…

 

  (362)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag