Riscontro…

Quanta solaggine pesa

quando la coerenza con te

disarmonizza il tuo mondo

fatto di pensierieta’ d’anima

cosi’ urlante di realta’

in una visione ampliata

che ti cruccia la condivisione

con quella dimestichezza acquisita

proprio dalla profonda immedesimazione

nella difficolta’ di parola

cosi’ vicina alla frammentazione

d’una specchialita’ altra

che aspetta invece un confronto

perche’ condividerla e’ difficile

perche’ darle lustro e luce

resta un’utopia…un sogno.

Quanta solaggine pesa

essere un esemplare d’umano

…stranamente lontano

stratificazione di sensazioni

nell’emozione non condivisibile

che porta ulteriore distacco

che e’ capace di pianto.

E’ un pianto dissapore

densita’ d’amore verso l’infinito

che ad ogni modo resta compagnoso

mentre lo interpreti con l’anima

incapace di dissolversi

incapace di presenziare

alla dolce attesa d’un riscontro…

 

 

 

 

  (261)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag