La bianchezza…

A volte…la bianchezza

acceca del tutto

specialmente quando

si e’ disabituati al nitido

quello che emerge di strano

proprio perche’ si e’ distratti

da sciocco mai interesse

d’una verita’ universale

che e’ quella riflessione

quando…inoltrarsi dentro

richiede abitudine costante.

A volte…la bianchezza

e’ tanto e tanto di bellezza

che proprio si fa’ fatica

ad accettarne sfaccettatura

mentre il brillio dell’anima

pare persino attenuarne pregio

nell’infamante modalita’

avvilita e persistente di non obbiettivita’

quando il disagio evidente

e’ proprio contrasto che continua

nel perpetuo di modo di concepire tutto

con la mancanza mai con l’abbondanza

quella rilevabile da sfumature nitide

che ogni cosa e’ relativa a spettri

di colori come di azioni come di paure

che fanno d’ogni sensazione

quell’emozione che parte dal riverbero

come se un raggio di sole fosse la dimostrazione

di quel porsi attraversando l’animo…

 

 

  (341)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag