Semmai…

Rifugiati dentro caverne

impauriti dai propri istinti

fregati nel proprio personale

d’un mondo vasto quanto puo’

per essere nascosto a chicchessia

persino troppo spesso a se stessi

in virtu’ d’una concezione errata

d’esser privi nell’iniziare la vita

intesa come viaggio che attraversa.

E’ un viaggio avventuroso

che ci allarga di potenza

qualora consentire la sua variabilita’

fosse intesa come esperienza

senza terrore di perdere se stessi

semmai il filo conduttore…fosse dolore

semmai il divenire…fosse angoscioso

semmai il vivere…fosse invece gioia

semmai il presente…fosse ampliato

semmai il colore…fosse non individuabile

semmai l’aggiustamento…fosse arduo

in quel percorso individuato ardito

nella difficolta’ di sopravvivenza

…per quella caverna rifugio d’altro

…per quella paura della propria individuabilita’

nel procedere alla scoperta d’altro

che in verita’ porta solo crescita

allorquando individuata la meta interiore

si scava nel buco del profondo

colmo di risposte finalmente afferrate

colmo di amoroso incedere verso la conoscenza…

 

 

  (277)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag