La crepa…

L’intensita’ del percorso

rimane l’ascolto prodotto

dalla sintonia personale

che desta il ritmo dell’attraversare

quel nostro singolo tratto

fatto nella misura giusta

che…nel tempo ti modella

per essere in conformita’

di cio’ che t’appartiene

con la giustizia che porgi

solo a te stesso e…per te stesso.

E’ un evolvere che si potenzia

man mano che si cresce

in quel prendere visione

d’una solidita’ d’immagine

rispecchiata nella realta’

che ti ubica dentro se stessa.

Non aver l’idea nemmeno

di questa intensa partecipazione

rende la vacuita’ protagonista

mentre si perde del tempo prezioso

dietro i falsi obiettivi da raggiungere

creando una crepa interiore

che assume il disagio come abito

mai piu’ maldestramente indossato

nella sua bruttezza d’immagine

rispecchiando cosi’ solo cattiva abitudine

di valori sacri d’un malcostume

cosi’ che possa diventare bellezza

cio’ che invece non potra’ mai esserlo…

 

 

  (241)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag