“Qualcuno”…

Alla buon’ora d’ogni nuovo

…d’un giorno qualunque

il “nessuno” che ci compete

dovrebbe essere…la consapevolezza

di mai pronunciare editti

in quell’io…sempre cosi’ presenza

che governa le scene di vita

per sentirsi “qualcuno” d’inventato

a cui aggrapparsi per sentirsi adeguati

nel marasma esistenziale

cosi’ vicino alla recita generale

che mantiene posizionato “quell’io”.

Quanto assurdo diventa

quel giorno nuovo d’ognuno

allorquando di buon’ora

si vuole afferrare il senso

nel perche’ si continua a…non essere

per un non aver coraggio

…d’ascoltarsi dal fondo

dove esiste il vero te stesso

senza bisogno di mistificazioni

cosi’ scusate ed abusate e…approvate

pur d’essere mai all’altezza

…d’un nuovo giorno di vita

…d’un nuovo approccio individuale

tale da potersi spogliare

d’una identita’ che non ti migliora

declassandoti nella priorita’

quando quel “nessuno” ti rende omaggio

perche’ capace di darti risposta…

 

  (239)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag