Incombe…

La primavera incombe

nel canto d’uccelli

rampanti su alberi

…ancora spogli di verde

…ancor nudi di vita

nella conseguenzialita’ tempo

che…accostera’ dentro

pure nell’umana specie

forse quella speranza amica

che l’insolvenza regressa pone

…quei dolori del gia’ dato

…quei ricordi dettato d’altro

…quei preganti pensieri

d’un apertura diversa

intesa come proseguire

nel sentiero iniziato per se’

proficuo di per lo meno pace.

Quante irrisolte voragini

accompagnano il perdersi

negli amnicoli fuorvianti

di cio’ che si e’ inseguito

ma…mai raggiunto

per…vigliaccheria

trincerata dietro le paure

quelle trascurate per superficialita’

quando non si ha quel coraggio

di vivere la vita per quel che e’

…un tempo tot…che posso usare

…un tempo tot…mai apprezzato dentro

perche’ passa veloce…quanto veloce

e…per di piu’…senza capire quanto e’ tuo.

 

  (328)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag