L’intensita’ misurabile…

Il mare…chiazzato a fasce

di colori…di spasmi

cosi’ diviso dalle intemperanze

…d’un tempo strano

e…d’anime stranite dentro

quando…misurare le intensita’

sembra il frutto d’un cammino

nell’avanzare attraversando

le stasi che sembrano rinunce

nell’alternarsi di movimento interno

che preludono qualcosa di…mai fermo.

Mai fermo e’ il cambiamento

anche di quegli assetti strani

che sembrano affogare le identita’

che si piegano al silenzio

mentre…dire il dolore

persino quello accettato ed affrontato

sente l’ansia d’un crescendo

come una stasi preparativa

al cio’ che comunque stranamente vive

in quell’amore per te stesso

che accomuna l’accordo interiore

per cio’ che s’apre a vita

nonostante morte…separa vita

nonostante che poi…non e’ cosi’ vero

per quel morire…vitale d’ogni crescita

mentre il dolore spacca dentro

il senso della vita che va’ via

allorquando sorge dentro desiderio

ed e’ amare quella voce nuova…

 

  (447)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag