Squarcio…

Voci di…gioia infinita

paion rincorrersi

nella corrispondenza fitta

di quei particolari richiami

che…ascoltandoli…aprono me

squarciata dalla meraviglia.

Il silenzio cosi’ vivo

in quest’attimo di me

rincorre nello sguardo

la scia d’una barchetta

che veloce scompare nel lontano

e…tra il verde delle rocce

…arrampicatosi di bellezza

assaporo di me

l’ugual profondo attorcigliato.

Pare che…ferma nel corpo

io possa invece avventurarmi

nel segreto del mio annullare

ogni aspetto che possa identificarmi

quasi che…la vergogna d’esistere

…in qualita’ d’umano ancora tale

mi azzeri il volo che mi trasporta

nel trascendere quel che sono

felice d’esser poi nulla davvero

gloriandomi di tale assetto

nella liberta’ d’esser in fondo proprio

ricercatrice d’una trascendenza

che mi accomuna al silenzio

portante solo armonia

distesa nella mia piena nullita’…

 

 

  (276)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag