L’uomo gia’ morto…

La reticenza cosi’ evidente

d’esser neganti di vita

rende l’uomo…gia’ morto

nella verita’ d’affanno

evidenziata da paura

quella di vita singola

proiettata all’amore

…dimestichezza che e’ rara

proprio perche’ negata.

Si nega la vita

e’…piu’ comodo di certo

e’…piu’ consono agli usi

e’…piu’ reiterante vittimismo

perche’ si dichiara guerra

alla felice idea d’esser vivi

per solo afferrar la vita

anche se ogni secondo ti prova

…la difficolta’ d’esser eroe

quello d’imprese vittoriose

che misurano la forza degli intenti

quando…sapendo di valere

si constata che e’ verita’

per ogni legittima guerra

quella personale per la felicita’.

Per questo siamo vivi

per accostare noi stessi al piu’

di quella difficolta’ che sfida

l’idea comune d’esser perdenti

cosi’…si muore giorno per giorno

lasciando spazio alla paura…

 

 

  (246)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag