D’intorno…

L’evanescenza d’intorno

in quella sensazione

…d’ancora impervio in atto

sembra stranezza palpabile

per quel previsto cambio di tempo

che avvolge l’atmosfera d’intenso

come fosse un velo…l’intorno

raggomitolante su se stesso

in quella patina d’evanescente.

Il rullio d’onde

ritma comunque nel venticello

le increspature d’acqua

che sembrano inseguirsi tra loro

nella lievita’ profusa

che sembra…il canto d’onde.

Uguale ed uguale ritmo

in una trasparenza cristallo

dove s’affossano pensieri e crucci

nell’assuefarsi di profondo

che pare d’intensa attesa

attraversando la cortina spessa

di quei dubbi umani arrovellanti

creatisi solo d’incertezza acuta

mentre l’evanescenza d’intorno

regala solo qualita’ di potenza

nel credere al presente d’ora

cosi’ imponderabilmente avvinto dentro

che ne perde paura timorosa

di non essere capace d’ascoltare

quel canto dentro cosi’ aprente

il presente…nel futuro che sara’…

  (249)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag