Nella finzione…

Stare in due storie d’amore

pecca d’egoismo urlato

pur di non chiedere a se stessi

…cio’ che si desidera

di corpo o d’anima

senza che la mente calcoli sempre

attraverso la bugia divulgata a se’

che si cerca il vero amore.

Ma..si sa poi…cos’e’ Amore

quando si crede che sia facile

quell’incontro che a priori e’ dono

quando le anime si riescono a riconoscere

al di la’ del tempo e del luogo

che…davvero…quando succede

e’ cio’ che sai dentro.

L’unito diventa…una magia

l’unito diventa…una musica

l’unito diventa…uno in tutto.

Stare in due storie nella finzione

abbruttisce l’individuo cosi’ ramengo

con quella disperazione dentro arcuata

dalla grande richiesta senza capirla

di quella fame certezza cercata altrove

nel posto d’errore non visualizzato

di quanto errante si diventa ancora

per non volersi  mai guardare dentro

capendo di sanare quelle voragini aperte

che non si colmano mai attraverso l’avere

ed e’ un non possedere equilibrio

perche’ si cerca per carenze mai per certezze…

 

 

  (218)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag