La paura…

La paura e’ quella che t’individua

nel buio delle parti nascoste

palesate nel silenzio d’ognuno

qualora porsi dinnanzi al chi sei

t’incute il dramma di scegliere

per te…solo per te cio’ che ti posiziona

nella temerarieta’ del quesito posto

dall’alternarsi del tempo a te vicino

del luogo a te pareggio d’emozioni

dello spazio cosi’ vasto che ti contorna.

E’ un’altalena di stringimenti interiori

che danno il palpito profondo

dove manovrare il treno della vita

e’ ubicarsi in essa con rispetto ed onore

quasi una prassi inusuale quell’amore

quasi un modo diverso d’affrontare

quel disagio che e’ scelta motivata

da quanto dolore non vuoi dare

da quanto dolore non puoi scegliere

da quanto dolore arriva all’assaggio

d’una sensazione cosi’ vicina all’inverosimile

mentre il viaggio e’ mai cosi’ ricco d’intensita’

che non reggere il ritmo ed il peso

rende la paura dell’ignoto cosi’ vicino

rende la paura specchio di sensazione antica

quella che annovera l’umano nella perdita di condivisione

perche’ troppa e’ la regressione degli istinti

quelli d’un amore che sgocciola e depista la paura

cacciandola nell’elenco di quel disagio imperante

mentre attraversar la vita e’ come attraversare la morte…

 

  (228)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag