Il salto…

A volte…questa trascendenza

cosi’ amica del mistero

sembra indicare l’eccellenza

…se cosi’ si puo’ definire

il non capire…il piu’ di te

in quel salto qualitativo

che sembra aspettarti cheto

quasi come quel sussurro udibile

…dal fruscio dei pensieri

…dalle ali d’anima liberate

che possono cadenzare la quantita’

in quella qualita’ legittimata

che…non adombra mai

quel salto altrove desiderato

per quanto ne vale la pena

per il senso di pienezza assurto

quasi primario nella necessita’

d’esser degni e meritevoli

d’una speciale umanita’ condivisa

con chi in alto e’ padroneggiante

nel sentire la vita…essere vita

per tutto cio’ che la riempie

d’innegabile “choc” di simbiosi

con le sfaccettature riscoperte

d’una dimensione afferrabile

nel sintonizzo interiore che apre

quel tempo indefinito di parola

quando vuol racchiudere limitoso

quello passato nel presente che afferri

costruendo il tuo ora cosi’ unico…

 

 

 

  (253)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag