Altra solezza…

In un letto lontano

…da casa adorata

come un numero

…senza nome

sei lì…ad aspettare

uno sguardo di dolcezza

che possa incrociare

il tuo chiedere solo

…uno sguardo.

Dentro la sofferenza

si diventa bambini

solo che la mamma

…non c’è più

e nel sogno d’ogni notte

la chiami e la vedi

quasi fosse la panacea

di tanto morire.

Morto nell’anima

sei corpo arrivato

e aspetti con tanta paura

l’ignoto che si paventa

senza pregare d’inutile

scoprendo che…la vita

…è tanta viltà

quando s’avvicina l’addio

con l’inganno del tempo

che è passato veloce un pò troppo.

In un soffio hai respirato

e in un soffio t’avvii

a costeggiare nel buio

il futuro che è…

  (1180)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag