La celestità…

La celestità del cielo

nel sole alto di primavera

è il preludio d’incanto

che si spiega dentro l’anima

in quell’ascolto mio

dove viaggio dentro essa.

Essa…la mia umiltà

quella dell’ascolto

…fruscio di foglie

…calore lucente che è caldo

…buio di ciglia chiuse

…pagliuzze di fuoco intorno

…cono di luce interiore

aprente e…aprente sinfonia.

Aggrappata ad una nuvola

rotonda e goffa di forma

sono finalmente regina

del fruscio…del calore

del buio…delle pagliuzze

del cono di luce interiore

ed è solo dono d’amore

che a manciate si proietta

in quel cono di me

come coriandolo a festa

aspettando ancora vita

in quell’ultimo atto

e poi andare dietro il sipario

e gioire del gioco ben fatto

dei riparanti tratti di nulla

dove ho vissuto di me…

  (396)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag