Le onde frustanti…

Sulla risacca arrivano

…spruzzi d’argento

perchè quel sole di luce

rende la bianchezza

…argento di vita.

S’agitano le onde

ognuna segue l’altra

velocemente giocano

…a rincorrere tra loro

l’immenso chetato per finta.

E’ cheto l’animo ardito

che guarda la corsa

e…vibra ad ogni schiocco

come una frusta è il rintocco

come una cantata ritmata

che vibra d’acqua salata

perdendo nella schiuma energia.

Arriva a noi umani

filtrata da sguardi

come se guardandolo

…il mare vivo di sè

ipnotizza i pensieri

e…quel cheto di te

è il gusto d’aprire

così…il dolce far niente

perdendo la crosta di superficie

infilati dentro se stessi.

Placato è l’umano

perchè cheto è il perdere identità

cavalcando le onde frustanti…

  (347)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag