Osservando…

La mia Perla stamane

compete con il suo amichetto

…Tobia

l’attenzione che deve essere

solo per lei…tutto per lei.

Ho tentato di farla capace

nella sicurezza che una carezza

…porta a Tobia

non la spodesta affatto.

Niente da fare

lo caccia in malo modo

che è proprio crudele

al cospetto del paziente amico

che è lì a guardarla

aspettando muto il mio carezzar.

Tutto è solo suo

…lo spazio a lei vicina

…la ciotola abbondante

che potrebbe benissimo condividere

ma in lei…non c’è pietà.

Più osservo il suo fare

più capisco quanto ci accomuna

in quell’egoismo sacro

c’è il possesso dei suoi diritti

d’aver me…la certezza

d’aver cibo…la sopravvivenza

d’aver coccole…l’amore.

Manca poco di simile

all’umano che sa cosa vuole

non scambiando nulla per nulla…

  (400)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag