Quell’aria strana…

Nuvole grigie

spargono quell’aria strana

come se dovesse

…all’improvviso

girarsi veloce d’una pagina

nel fruscio che percepisci

dentro il vento girante

che forse…le allontanerà.

Nuvole grigie

come un assaggio misto

d’un preludio altro

nel divenir mutevole

d’ogni natura

…anche l’umana

in quell’esser così a volte

noi stessi…nuvole grigie

quando scolto il lamento

in quella consistenza d’esistenza

che molti usano per richiamare

quell’attenzione dentro lamento

come ad attirar ancor di più

…calamità d’universale

nel percorso individuale

come magneti di attrazione

verso il nefasto mai positività

Ohibò…che noia l’ascolto

di quelle malattie…di quella pioggia

camminano dentro nuvole grigie

per mano nella simbiosi

e tappo l’udito senza ascoltare

quasi quasi mi riprendo

…la mia napoletanità

e scusate…faccio corna di nascosto…

  (561)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag