Galoppo è…

L’evanescenza così velata

sembra avvolgere l’anima

come un velo di irrealtà

che aiuta a vivere

in questo cervello cavalcoso

che mai ferma il suo galoppo.

E’ un galoppo tumultuoso

con zoccoli rabbiosi

che incidono impronte nei solchi

tra polvere alzata fangosa.

E’ un galoppo rabbioso

dentro le cose del mondo

in una corsa nel vento

…sentendolo vivo

a confronto della morte

circondosa nei visi d’intorno.

Avvinghiata alla groppa

d’un cavallo guerriero

cavalco le onde del suono

perdendo visione nella velocità

quasi irreale è ciò che visiono

in un paesaggio di visi e sguardi

che neanche si girano così disattenti

a guardar le brutture appiccicose

come tentacoli attorcigliate

nel corpo di polipo viscidoso

che rappresenta finzione perenne

nelle cose del mondo.

L’evanescenza è velo guarente

dove rifugio il mio pianto… (408)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag