Ne sento l’odore…

Seduta tra l’erba

…ne sento l’odore

piano…soffuso…salente

che si confonde di strano

non essendo abituati

ad aprire narici a nudità.

E’ una nudità di profumo

che riporta lontano

e poi catapulta nell’ora d’ora

e ne rimani estasiato

di quanto siamo legati

agli odori nel tempo.

Eppure chissà

mi riprendo l’essenza

d’un antico gusto

forse sognato e segnato

come fosse anche ciò

un regalo incartato

perduto nel mondo dei se

nella periodicità crescita

che leva tante volte il contatto

di quell’odore che sale

d’un tepore graffiante

mentre il sole gioca con te

e il vento struscia scherzoso

e una farfalla ti vola d’intorno

e sei vivo e sei grande…cresciuto

ma le barche laggiù sono bianche

e il mare è così celeste

che anch’io mi sento celeste…

  (1321)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag