Sincronia…

La mia sincronia

nel risveglio del giorno

è l’assaggio di me

nel silenzio imperante.

Solo gabbiani son desti

e..le onde che danzano

nel soffuso silenzio espanso.

E’ un aprire sempre diverso

nelle sfaccettature di me

come trovando ogni volta

il simposio con me

mentre l’estatico guardare

è ciò che di meraviglia

si riesce ancora a vedere

scorgendo ogni volta

la diversità dei momenti

che segnano di parole

…l’attimo fuggente.

Non fuggo

…rimango a gloriare

tutto il cangiante

che diventa nella diversità

ciò che racchiude

l’estasi dell’amore

in ogni fruscio è il richiamo

in ogni cinguettio felice

c’è quella sorta di qualcosa.

E’ come amore che s’amplia

in un misterioso fascino

chiama altro amore

come una patina che rende

man mano la luce d’anima…

  (1368)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag