La recita…

Avanti e indietro

…con una veloce recita

direi a memoria

senza più nemmeno sapere

cosa si sta dicendo

a chi si,sta implorando

e perchè lo si fa davvero

è ciò che capto ogni volta

…nel guardare chi

così poco attento a se stesso

dice di pregare ogni mattina.

Avanti e indietro

con uno sguardo scrutatore

a ciò che il mare rende

d’estraneo e prendibile

come se le parole dentro sussurro

in un automatico di macchina

che…inforcata la marcia

cammina con l’alzar pedali.

Automatismo di preghiera

quando semmai Dio così creduto

e poi implorato di nenie uguali

potesse rispondere davvero!

Credo che accetterebbe

…di gran lunga

un’emozione vera

…non parole vane

come cantilena d’un insegnamento

che non è seguito da pratica vera

essendo solo atteggiamenti falsati

…da un finto religioso

che non ha emozione vera

nella cantilena ripetuta…

senza senso…a questo punto.

  (556)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag