Ravel ed io…auguriamo

Ravel…nella penombra

col suo Bolero…accompagna

il mio soave modo parlato

d’augurar buona notte

a chi per ora…sonnecchia

su di un divano sbivaccato

…dinnanzi alla Tv

e…saporito di torpore

rilassa la stanchezza

nella routine serale.

Il cavalcar musicale

riscuote il mio sorriso

che nella fantasia segue

…il noto ritmo

così impetuoso di gioia

che le note spaccano

la noia impossibilitata

a poter arrivare chetamente.

Che ritmo è volare

come se…le note

…potessero uscire

e…dal suono in fila

…presentarsi ad una ad una

…in un buon giorno

per chi è già nel giorno

ritmati da un augurio

musicale…è vero

ma cavalcante sulle note

…della musica d’anima

di chi è stato mago d’altri tempi

nel ricordarci proprio

la vita della buona notte

e…del buon giorno…

  (802)

One thought on “Ravel ed io…auguriamo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag