Il gusto pienezza…

Ritrovare il gusto pienezza

d’un attraversare l’ignoto

quando nell’essere anima

devi sbaragliare come treno

ciò che avevi costruito

nell’unico arrivo per te utile

fatto d’istinti dimenticati

fatti di ragionati cerchi chiusi

che…come anelli

…soffocano la gola

nel cappio dell’inutilità.

Come un accetta..demolisci

quella costrizione prigione

quella finzione perdurata

nel coraggio che l’anima porge

quando prende la sua strada.

Strada di domande piena

con risposte che non hai

se non nel tempo su di te

che ti risponderà di certo.

Paura e paura è amica

come se fosse l’unica che segue

come parte di te infilata

come compagna di viaggio

nella pazzia vita

presa così seriamente

che…non ne vale la pena

per quanto tua…per quanto breve

per quanto irripetibile…per quanto degna

per quanto premio…per quanto castigo

dipenderà da te…solo da te… (365)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag