E’ così…

L’assolutezza d’attimi

che ti percorrono veloci

sembra riportare fiducia

in un’anima anelante

che sembra placarsi

come se ciò che capisci

nell’inverosimile d’un infinito

è così afferrabile dentro

che si estende come manto

che pieghi e riponi

come fosse un pezzo di te

che non serve più.

Non è pianto l’arresa

…non è disperazione

ma accettazione di limiti

quelli che non riesci a capire

perchè il raziocinio non sa

poichè l’anima solo capisce.

Al di là di te stesso

sai che sarà lì per te

quel desiderio di riscontro

che l’anima aveva capito a priori

per quanto la mente non ne è capace

per tanto viversi la vita nell’emozione

… quella creatura carezzevole

che ti riempie d’amore sempre.

Ti vivifica d’impalpabile

che è amorevolezza per te

così accarezzato dal troppo

che diventa vivezza…solo vivezza…

  (322)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag