Così solo nell’immensità…

Gabbiano appollaiato

…sull’isolotto scarno

così solo nell’immensità

che sembrerebbe quella pienezza

…consapevolezza assurda

di cui neanche ci accorgiamo

per quanto veritiera d’immagine

in quell’esser soli sempre

come fosse qualcosa tangibile

nella ricchezza di verità

quando c’è la sincerità vera

che la senti vestirti quasi

nella nudità di povertà

che è la solaggine profonda

rifugio d’altro certamente.

Le onde sovrastano di schiocchi

come fosse musica ritmata

mossa dall’impervio sovrastare

d’onde è che lente…s’acquietano

quasi che il sole appena sorto

fosse il calmiere d’energia

che placa il rumoreggiare

facendolo solo addolcire.

Dolcezza è l’unico aspetto

d’una natura equilibrio

che da sola regna e basta

ad insegnar di silenzio

il ritmo dolce di noi stessi

semmai ci fosse l’abbandonarsi…

  (598)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag