Per quanto…amore…

Per quanto…amore

è così evidenza di dare

così non è compreso

per quanto è…solo porgere.

Nel porgere il dono

dentro abbraccio umano

dentro anima umana

dentro mente umana

si crede spesso che

quell’umanità così grettosa

sia la conseguenza di gesti

che all’apparenza solo

possono essere non capiti

confusi da quelle certezze

che l’umano programma dentro

come un catalogo comportamentale

che qualifica e quantifica

la così detta amorosità.

Non sono gesti antichi

in amplessi di ovvietà

dentro corpi macchina

che cercano di sfogar energia

nell’accumulo di stress

che trova voce e luce

dentro il consumare amplessi.

Non sono paciosi gesti

quando la passione

travolge corpi avvinghiati

cercanti oblii irrisolti

dentro il male ricevuto.

Per quanto…amore è

affine d’anime incontrose

come se dentro la morte

d’un personificare altro

si è vivi dentro amare

come se prendere se stessi

attraversando tempeste

di muri alti di divieti

di orrori mal digeriti

di tempeste mai vinte

di venti uraganosi fitti

di voli dentro sogni

di gioia mai afferrata

di dolore strazio urlante

di e di e di……….

Potrei elencare a iosa

l’intreccio quando è santo

l’incontro quando è sacro

il perdere identità davvero

è crescere d’innalzo altrove

in quel dare tanto uguale

a mille e mille volte porto

nella superficialità perduta

come se la sua consistenza

fosse nell’esser uguale a sè

la risultanza d’una mascherata

in quella pagliacciata grande

che è il giocar la vita

nell’esser vivi o morti

scegliendo quanto amore si possiede…

 

  (8926)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag