L’incedere…

L’incedere dolce

è l’eleganza d’un moto

nel venticello brezza

che increspa dentro la superficie

quel sinuoso arrotondarsi

sulla riva cantoso

mentre nella lontananza

c’è alternanza di colore

in quell’ancor ghiaccioso

prima che s’alzi il sole.

Pulita è l’aria

nel canto gorgheggiante

di deste creature

che plateano nell’Universo

quel melodioso rilassato

che può essere un buon inizio

d’una giornata serena.

Argento mare…così mio

che m’insifila dentro anima

quell’emozione di spettacolarità

degna d’un eletto altro

che sembra voler parlarmi

di quanto silenzio accompagna

tanta gratuità apprezzata

nell’Universo plasmato per noi.

Per me è solo incanto

d’un prendere solo tanto amore

che sembra sgorgar dal mare

che ascolto di bisogno d’essere

io…proprio io…Gianda.

  (574)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag