Spengo…

I miei occhi parlano

sembrano sempre ardimentosi

di cogliere quelle trasparenze

così evidenti di fragile

che ammetterlo…gli altri

fanno fatica a confessare

o forse nemmeno s’accorgono

di quanto in potenza…si è uguali.

Il pensiero è sempre vivo

di sinapsi rincorrenti

che si chiedono e rispondono

in base al sustrato cognitivo

di cui credo sia provvista

e che nel contempo a volte…non vorrei

perchè forse vivere nella sopravvivenza

è quella comodità esistenziale

che sembra faciltà evidente

di prendere la vita superficialmente

senza conoscerne il valore intrinseco.

Vorrei essere…tante volte

provvista di altra forma d’egoismo

quello che non pensa ma fa strada

nell’inerpico d’ogni azione conseguenza

e vorrei davvero a volte…scomparire

per quel troppo che straripa

mentre il fiume ed il mare seguono

quel percorso di similitudine uguale

che tanto è tutto inutile davvero

ciò che è…è ciò che deve diventare

quindi spengo la luce e…aspetto che sia…

  (721)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag