Incanto…

Il mare biancastro

sembra ghiaccio striato

da linee correnti

che sembrano fiumi sotterranei

che lasciano solco di vie

che s’intersecano tra loro

nel girovagare libero

che s’espande in superficie.

Il canto festoso di voci

è l’accompagno di gioia

nell’udir cinguettio

mischiato a carezza vento

nella soavità d’attimo

che raccoglie totalità

da un tutto espansivo

che è proprio emozione.

Si ferma interiormente

quella sofficità dell’incanto

come una preghiera all’Alto

che ti risponde a profusione

nel regalo qualità d’altro

che non si è apparenza

ma consistenza che fermi.

Incanto è meraviglia

che s’allarga e s’allarga

come una strada spianata

nelle vie dell’anima ascoltata

riempendo il respiro di bello

quasi quasi un sogno

eppur son desta… (656)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag