Piangenti di…

Di nuovo vetri appannati

…piangenti di trasparenza

piegati dallo sguardo

che non trapassa mai il dolore

come un premio che arriva

a farti poi…del bene

quando l’incondizionato

ti ha visitato ancora.

Perdendo l’alito d’amore

che era vivificato

in quel giorno per giorno

costruttivo d’unione sacra

è accorgersi d’un dono

che la vita ti ha indicato

nello spessore dell’amore.

Amare fino alla fine

chiunque tu sia davvero

è quell’incondizionato esistente

che ci viene regalato di lezione

quando sai di sicuro

quanto è profondità ogni volta

quell’amore qualità d’altro

che ci lega invisibilmente sempre

quando lo sguardo persino

è intriso di condiscendenza

che mai è prigionia ma libertà

che puoi essere amato così

che vuoi essere onorato così

nel meritarsi lo sventolio conquista

di considerazione d’unicità…

  (627)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non si possono utilizzare attributi e tag